Attimi quotidiani XIX – nebbia

Ci sono momenti in cui immergermi nella nebbia mi piace. Quando poco sopra la coltre di nubi c’è un cielo quasi sereno e la luce intensa del sole, ritrovarmi avvolta dalla nebbia mi permette di osservare, in modo diverso, quello che vedo tutti i giorni.

La nebbia cela ed allo stesso tempo evidenzia. Cela gli sfondi, gli orizzonti ma, insinuandosi tra gli alberi, ne evidenzia la struttura, le forme, creando una successione di piani sui quali i rami si dispiegano.

Piante che il giorno prima si confondevano con il resto della vegetazione risaltano, come delicati disegni a china.

Finchè il sole non inizia a filtrare, esaltando con i suoi raggi le gocce d’acqua che si erano condensate in precedenza sulla vegetazione o sui sottili fili delle tele dei ragni.

Annunci

Nebbia

alba

Stamattina la giornata è iniziata nebbiosa, triste, pesante sia fuori nel paesaggio, che dentro nel miscuglio di emozioni che si rincorrevano senza sosta. Poi, per pochi minuti la nebbia si è abbassata, lasciando intravvedere il sorgere del sole da dietro la collina. A volte basta poco, uno scorcio, un profumo, un piccolo pensiero per cambiare le sorti di una giornata iniziata un po’ così. Quell’attimo di sole, quel frammento di cielo tra le nubi e la nebbia, la possibilità di fermarmi a goderne, mi ha fatto sentire fortunata. Un “Grazie”  dal cuore per quei pochi istanti e la giornata ha assunto una sfumatura diversa.