Orchidee

Ho una passione anche per le orchidee. Scrivo “anche” perchè la lista di piante che mi appassionano, affascinano e che suscitano in me emozioni quando le incontro è un po’ lunghina…

Mi piacciono le orchidee “da interni”, quelle di origine tropicale che si comprano nelle serre, ma ancora di più mi piacciono le nostre orchidee spontanee. In Italia infatti ne crescono 190 tra specie e sottospecie diverse. Normalmente non sono così appariscenti come quelle tropicali, ma solo perchè le loro dimensioni sono molto inferiori. Se ci si sofferma a guardarle da vicino, possono stupire per colori e forme, per non parlare delle strategie che adottano in campo riproduttivo (in un prossimo post…)

Ieri, durante la quotidiana passeggiata mattutina, ho notato tre steli di orchidee in piena fioritura, sul margine della strada bianca. In effetti scorgere le orchidee nel loro ambiente naturale è un po’ come andare a raccogliere asparagi selvatici. E’ necessario farci l’occhio 🙂

I loro steli erano attorniati da altre erbe e fiori e i colori tenui non aiutavano ad attrarre lo sguardo. Di quest’orchidea ci sono due sottospecie: la ssp fragrans, con un delicato profumo di vaniglia e la ssp cimicina che, come suggerisce il nome, non è proprio indispensabile andare ad annusare. Quest’ultima presenta una colorazione più scura ma se ci fosse il dubbio sull’identificazione, basta affidarsi all’olfatto…

Anacamptis coriophora subsp. fragrans

Anacamptis coriophora subsp. fragrans

Anacamptis coriophora subsp. fragrans

Ma questa non è che una delle tante orchidee che possiamo incontrare, oltre che nei prati aridi di collina e pianura, anche lungo i margini delle nostre strade.

La più frequente, almeno da queste parti, è Anacamptis morio che può presentare diverse colorazioni dal bianco al viola scuro.

Anacamptis morio

Anacamptis morio

L’impollinazione delle orchidee avviene ad opera degli insetti (api, bombi e simili). In alcune specie i fiori tendono a simulare l’aspetto dell’insetto come nel caso di quest’Ophrys insectifera.

Ophrys insectifera

Ophrys insectifera

L’orchidea che segue invece, sembra formata da tanti piccoli omini…

Orchis simia

Orchis simia

Orchis simia

Orchis simia

Ma queste sono solo alcune delle tantissime orchidee che in questa stagione possiamo incontrare nei prati e boschi delle nostre regioni. Un’ultima nota: tutte le orchidee spontanee sono piante protette per le quali c’è un rigoroso divieto di raccolta. Dalla germinazione del seme a quando la pianta è in grado di fiorire passano anni, limitiamoci a scattare una foto piuttosto che raccoglierne i fiori. Grazie.

Annunci

18 thoughts on “Orchidee

  1. lauraluna ha detto:

    Assolutamente non raccogliere fiori protetti!
    Post molto interessante, aspetto il prossimo per conoscere
    le “strategie”.

    • Nuzk ha detto:

      Le strategie hanno dell’incredibile anche se a pensarci bene, con tutto quello che stanno scoprendo sulle piante, non ci sarebbe da sorprendersi molto. Non a caso all’università di Firenze c’è il Laboratorio Internazionale di Neurobiologia delle piante il cui direttore è Stefano Mancuso che ammiro molto. Di seguito il sito del laboratorio e un filmato tratto da TED
      http://www.linv.org/

  2. echtkuehn ha detto:

    Davvero bellissimi fiori che ci mostrano. Penso che sia importante conoscere i fiori e protegge. Mi piace.

  3. Lena ha detto:

    Adorable flowers

  4. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Fiori spettacolari e immagini splendide:dovresti andare al Giardino Botanico di Singapore una volta per ubriacarti di orchidee 🙂

    • Nuzk ha detto:

      Ciao Mau! Temo che se dovessi entrare in un giardino botanico del genere, per recuperarmi prima della chiusura, dovrebbero dotarmi di Arva all’ingresso 🙂 Già con quello di Padova sono ospite fisso ogni volta che visito la città…
      Sto meditando sull’acquisto di un macro…ma poi è la fine…

      • Maurizio Vagnozzi ha detto:

        Macro + Singapore …. Ed é fatta: ho appena visto delle tariffe incredibili con i vettori di questa zona, tipo a/r da Milano a meno di 550€ … 🙂

      • Nuzk ha detto:

        Ho appena finito di litigare con una parte del cespuglio di rovi che infesta il giardino. Sembro uscita da un diverbio con un gatto incazzato, le braccia a striscioline sanguinanti….le mie prossime ferie le ho destinate a riorganizzare casa/giardino in modo da lavorare il meno possibile in futuro….anch’io sto invecchiando e il corpo inizia a darci su rispetto ai miei progetti…

      • Maurizio Vagnozzi ha detto:

        Mi deve essere avanzato un po’ di napalm se vuoi una soluzione radicale ….

      • Nuzk ha detto:

        Con i rovi tenderei al biologico… Sarei per una soluzione radicalissima invece con i cinghiali che mi stanno devastando il giardino…suggerimenti? Il napalm li cuoce ma forse un po’ troppo…forse una balestra sarebbe più appropriata…

  5. phlomis68 ha detto:

    oh le orchidee che meraviglia, a Sassano (Salerno) ci sono montagne piene di orchidee tutte diverse… il difficile è non calpestarle…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...