Tempo

 

Ma passa poi veramente il tempo? O siamo noi che, in questa dimensione, lo viviamo come qualcosa di lineare?

E’ da un po’ di tempo che, con il tempo, sto cercando di conversare e di convincerlo a spiegarsi. Perchè a me capita di vivere come se avessi contemporaneamente diverse età e questa sensazione, di lineare, ha ben poco.

Certo, se ripenso alla mia vita, il tempo ha un andamento lineare e sequenziale. Però se poi osservo alcune parti di me è come se io risultassi essere l’insieme di tante età. In aspetti di me nei quali mi sento insicura, mi percepisco come una bimba che deve fare ancora molta strada per apparire, anche solo in minima parte, adulta.

In altri aspetti, dove magari in questi anni ho avuto modo di imparare e mi sento in grado di gestire le situazioni, dove sono più centrata e radicata, ho la sensazione di essere una persona più avanti con l’età.

Rispetto poi, alla voglia, al desiderio e alla necessità di imparare sempre cose nuove, mi sento come quando arrivi all’università e ti si apre un mondo che neppure immaginavi (o almeno per me, all’epoca, è stato così) e dove ogni cosa che vivi, senti e ascolti, cerchi di farla tua per il solo piacere di sapere e comprendere.

Molti di questi “svarioni” temporali sono legati agli stati emozionali e se chiudo gli occhi e sposto la mia attenzione da uno all’altro, mi sembra di essere in un tal turbinare di età, che il su menzionato tempo lineare è bello che dimenticato…

A dire il vero c’è un frangente in cui la mia età si fa sentire in tutto il suo “splendore”. Quando devo tagliare l’erba in giardino e mi carico in spalla il decespugliatore, la resistenza non è più quella di qualche anno fa e d’un tratto, senza peravviso, il corpo si stronca. A quel punto non resta che deporre il dece e nella mia mente si fa strada un detto che a Trieste si usa spesso… “Ciccio no xe per barca”…

Che sia giunto il tempo di far tagliare l’erba a qualcun altro?

Annunci

32 thoughts on “Tempo

  1. unsassoverticale ha detto:

    Bellissimo: è precisamente così anche per me!!!!

  2. Drimer ha detto:

    Il tagliaerbe…un bel film 😉

  3. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Occhio alla sciatica con il decespugliatore … Parlo per esperienza 🙂

    Spettacolare la foto dei riflessi nel caffè, e quasi inquietante e levitativa la prima.

    Si, dormo poco, per prevedere la tua domanda 🙂

    • Nuzk ha detto:

      Esperienza mistica della sciatica fatta!
      Il pendolo è ipnotico. Non mi sarei più mossa da lì quando l’ho visto e ho scattato una marea di foto. Ma a breve vorrei tornarci per farne altre 🙂
      Buona notte Mau

  4. valexx89 ha detto:

    sai che oggi tornando a casa mi stavo facendo la stessa domanda>? tutto dipende anche da come lo viviamo

    • Nuzk ha detto:

      A volte capita che più persone, senza un reale motivo, inizino a ragionare su uno stesso argomento. E’ curioso ma interessante…Buona giornata Vale 🙂

  5. ilmiosguardo ha detto:

    Mi affascina ‘sto argomento… 🙂
    Ho visto il pendolo di Focault a Parigi al Museo des Art et Metiers e la sensazione di attrazione è stata simile simile alla tua 🙂
    Peccato che allora tenevo una ciofeca di macchina fotografica… 😦

    Un sorriso
    ciao
    Ondina

    • Nuzk ha detto:

      Io continuo a girare attorno al tempo, alla fisica quantistica anche se ci capisco poco. Ho la sensazione che la chiave di tutto sia nelle frequenze, nelle onde, nel fatto che la densità della materia cambia in funzione della frequenza alla quale vibrano le particelle che la compongono e che questo, anche se non ce ne rendiamo conto lo viviamo di continuo a livello di fisico ma anche di emozioni. Buona serata Ondina

  6. andreaalberti ha detto:

    Ciao bel post!
    Mi sono soffermato sulla foto della bambina alle prese con la luce, lei ancora non ha la cognizione del tempo, e sono contento quando riesco a perderla anche io :-). A parte la fretta che mi “imprime” il Tempo, quando ci penso, e ci penso…, ne approfitto di Lui per ricorrere alle foto che hanno l’effetto di fermarci entrambi e apprezzare il momento ;-).
    Scappo che devo lavorare 😀
    Buona giornata

    • Nuzk ha detto:

      Ciao Andrea,
      osservare quella bimba è stato molto bello. Era sulla porta all’interno della chiesa e giocava con la sua ombra proiettata sul pavimento. Era dolcissima. A me capita quando fotografo, che il tempo acquisti una sorta di profondità e il fotografare acquista uno spessore particolare. Come dire…tutt’alroc he al lavoro in cui a volte comprendi il significato della parola “eterno”…. 😀
      Buona serata

  7. ogginientedinuovo ha detto:

    Il tempo fuori di noi e dentro di noi.
    In questo anno fuori asse (boh!) siamo in tanti a interrogarci, a cercare risposte…
    Questa comunione di mente mi fa bene e mi rilassa 🙂 anche se fin’ora risposte non ho trovate!

    • Nuzk ha detto:

      Beh, se trovi la risposta già a gennaio il gioco finisce subito… 😀 Comunque il fatto di essere in tanti a pensare in una stessa direzione piace anche a me. E’ come se ci aiutassimo l’un l’altro a trovare ognuno la sua risposta. Buona giornata dopo un buon caffè 🙂

  8. lauraluna ha detto:

    “…la memoria è fragile e il corso di una vita è molto breve e tutto avviene così in fretta, che non riusciamo a vedere il rapporto tra gli eventi, non possiamo misurare le conseguenze delle nostre azioni, crediamo nella finzione del tempo, nel presente, nel passato, nel futuro, ma può anche darsi che tutto succeda simultaneamente…”
    (I. Allende)
    Mah, chissà se ha ragione!
    Credo che “il mio gnomo solitario” stia facendosi la stessa domanda,
    Un caro saluto.

  9. lauraluna ha detto:

    No, mia cara, probabilmente con tutta quella neve, avrà preso troppo freddo e sono molto preoccupata. 😦

  10. EEEhhh che argomentone il tempo!!!
    Io a volte faccio casino nella mia testa così come te e poi risolvo tutto dicendo che il tempo è un’illusione della nostra mente e che esiste solo in questa dimensione. Vista così, la curiosità mi piglia forte di sapere cosa ci sarà dopo… ma… c’è tempo! 😀
    Un abbraccio! Flora

    • Nuzk ha detto:

      Quanto mi risuona quel tuo ” il tempo che esiste solo in questa dimensione”… C’è molto di più ed è tutta una questione di vibrazioni…

  11. TADS ha detto:

    credo sia dovuto al gap tra mente e corpo, due modi diversi di vivere e affrontare il tempo. Nel cervello abbiamo un “bambino” un po’ folletto che ci accompagna per tutta la vita, quello “fisico” muore dopo pochi anni.

    • Nuzk ha detto:

      Ciao Tads, hai ragione. Da un po’ di giorni questa cosa sta continuando a girarmi tra i pensieri e credo che quel folletto la sappia molto più lunga di quanto voglia far apparire… 😉

  12. lauraluna ha detto:

    Sono d’accordo con Tads, conosco bene lo spirito folletto nonostante sia consapevole che ”
    “Il tempo è prezioso, eppure non ci costa nulla; puoi farne quello che vuoi, tranne possederlo; puoi trascorrerlo, ma non conservarlo e una volta perduto, non puoi recuperarlo… se n’è andato per sempre!” ( Cit )

  13. […] aver scritto le mie impressioni nel post tempo, relative a come vivo il tempo ed alle sue reali caratteristiche, mi sono ritrovata spesso a […]

  14. remigio ha detto:

    Noi vorremmo ammazzare il tempo ma inesorabilmente è sempre il tempo che ammazza noi. E’ una battaglia persa quella che intraprendiamo, appena nati, con il padrone predestinato della nostra esistenza. Per sant’Agostino il tempo non esiste in quanto è una dimensione dell’anima. Effettivamente nulla è più sfuggente e inafferrabile del tempo che ci accompagna come un’ombra in ogni istante della nostra vita, che scandisce le nostre giornate dalla nascita fino alla morte. Al suo passaggio il tempo corrode la vita e lascia i suoi segni sulle cose e sugli uomini, sulla facciata di una casa così come sul volto di una persona.

    • Nuzk ha detto:

      Ciao Remigio, credo che il nostro considerare il tempo lineare sia dovuto anche al fatto che lo valutiamo rispetto al nostro corpo. Il corpo infatti nasce, cresce, matura, invecchia e muore. A me però rimane sempre il dubbio che ci sia anche altro, perchè quando chiudo gli occhi e mi sento, al di là del corpo, il tempo cambia, non essendoci più riferimenti con “l’esterno”. E allora la linearità del tempo non mi sembra più così lineare come la testa vuol farmi credere…

  15. lucamaggio ha detto:

    Cos’è il tempo e cosa siamo noi in relazione ad esso?… Consiglio “Sette brevi lezioni di fisica” di Carlo Rovelli: bellissimo, comprensibilissimo e a suo modo colmo di “poesia”, ovvero la materia di cui è fatto l’universo.
    luca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...