Ritmi lenti

Anno strano, con un inizio che non vuole ingranare la marcia giusta. Poca voglia di scrivere e quasi nessuna di parlare. L’istrice che è in me si sta prendendo i suoi spazi.

Mi accorgo di aver bisogno di ritmi lenti, di permettermi momenti anche per piccole cose, come sedermi sul letto e passare del tempo a guardare fuori dalla finestra le cince, che si alternano alla ciotolina per prendere i semini di girasole.

Mi fanno una gran tenerezza questi uccellini. Quando arriva l’inverno per loro c’è la mangiatoia sul davanzale, da riempire con del cibo. E direi che apprezzano, tanto che in primavera ed estate rimangono attorno a casa e depongono le uova nelle due cassette nido che ho appeso, due anni fa, sulla parete esposta a nord. Quando nascono i piccoli, che si fanno sentire con i loro intensi ed incessanti pigolii, ognuno dei genitori fa fino a 350 viaggi al giorno per portare cibo al nido. In genere si tratta di bruchi o insettini vari che catturano vicino casa, liberando così il giardino e l’orto da insetti molesti.

Fermarmi ad osservare questi sprazzi di natura in cui abito e che avvolge e movimenta la vita quotidiana, mi aiuta a sentirmi, a placare il continuo parlottio interiore, per lasciare spazio al silenzio. Ed è un silenzio ristoratore.

 

Annunci

17 thoughts on “Ritmi lenti

  1. lauraluna ha detto:

    La stessa cosa succede a me : ” Poca voglia di scrivere e quasi nessuna di parlare.” Però è sempre piacevole leggere i tuoi post e godere delle immagini che riesci a captare e, per fortuna, condividere con noi.
    Ciao, un abbraccio.

  2. Drimer ha detto:

    È sempre un piacere osservare i tuoi pensieri, poche parole…ma buone.
    Buon weekend Nuzk 😉

  3. popof1955 ha detto:

    Succede anche a me, non da gennaio, scrivo meno ma in compenso leggo molto e più di prima.
    Il blog o meglio il web è rapidità che disabitua alla lettura, distaccarsi dalla tastiera per tornare alla lentezza cartacea non è poi tanto male.

    • Nuzk ha detto:

      Ci dev’essere un virus nell’aria. Ho ricominciato a leggere molto di più anch’io e ho appena terminato di acquistare 13 ebook dei classici che in questo periodo sono in offerta. Forse il 2015 sarà l’anno delle letture e delle riflessioni…Buon fine settimana di letture 🙂

  4. mia_euridice ha detto:

    Le tue foto parlano per te, non temere.

    • Nuzk ha detto:

      Grazie. Mi capita ultimamente di non avere delle gran cose da raccontare ma solo foto di attimi quotidiani che, ognuna a modo suo, raccontano come vedo o sento quello che mi circonda.

  5. valexx89 ha detto:

    mi sento in empatia su cio’ che hai scritto provo la stessa cosa e sto cercando di trovaare in me ciò che mi blocca e mi fa sentire così, sono sicura che passo dopo pass come finirà questo period freddo la primavera arriverà anche in noi.. Vale

    • Nuzk ha detto:

      E’ vero, come poi è successo altre volte. L’importante è ricordare che l’unica cosa certa è il cambiamento e che prima o poi ad un periodo buio, seguirà la luce. Grazie Vale, buona serata 🙂

  6. Che spettacolo queste cince!!! Ne è atterrata qualcuna anche sul mio terrazzo di recente, e io come al solito a pensare che anche quest’anno non ho ancora messo la mangiatoia… mi servi da sprone!
    Non hai voglia di fare e scrivere dici… a me sembre che tu ti esprima benissimo con questi mezzi, e lo stare a contemplare è un arricchimento interiore non da poco…
    Un abbraccio! Flora

  7. Silvia ha detto:

    Mio marito ha giusto oggi comprato due panettoni per le bellissime cince

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...