Inverno

Questa notte, a cavallo tra domenica e lunedì, sarà il Solstizio d’Inverno, il momento in cui la giornata è, in quanto a ore di luce, la più corta dell’anno. Da domani, pian piano, minuto dopo minuto, le giornate inizieranno ad allungarsi.

Sento questi momenti di passaggio da una stagione all’altra come qualcosa di importante. Un sentire e seguire il ritmo della Terra e della Natura che mi circonda e che riconosco anche nei miei ritmi quotidiani. D’ora in poi, un po’ alla volta, inizieranno a manifestarsi i segnali dell’inverno che, complice questo clima balzano forse arriverà. Contemporaneamente, timidamente, anche la primavera accennerà ogni tanto a qualche anticipo del suo futuro arrivo. Piccoli tocchi che ogni anno attendo e che mi piace leggere, sentire, annusare mentre guardo il paesaggio o cammino nei prati e nei boschi.

Amo l’avvicendarsi delle stagioni, ognuna con le sue caratteristiche, sfumature e diversità da un anno all’altro. Questo mutamento continuo che cerca di ricordarci che tutto cambia, sempre.

Annunci

13 thoughts on “Inverno

  1. sguardiepercorsi ha detto:

    Molto suggestive!
    Anche a me piace lo scorrere delle stagioni. E autunno inverno sono le mie preferite… 🙂
    Buona domenica:-)

  2. ogginientedinuovo ha detto:

    Amo lo scorrere delle stagioni e non potrei farne a meno 🙂

  3. lauraluna ha detto:

    “Esiste un grande, eppur quotidiano mistero. Tutti gli uomini ne partecipano ma pochissimi si fermano a rifletterci. Quasi tutti si limitano a prenderlo come viene e non se ne meravigliano affatto. Questo mistero è il tempo. Esistono calendari e orologi per misurarlo, misure di ben poco significato, perché tutti sappiamo che talvolta, un’unica ora ci può sembrare un’eternità, e un’altra invece passa in un attimo… dipende da quel che viviamo in quest’ora. Perché il tempo è vita. E la vita dimora nel cuore.”
    (Michael Ende, Momo)
    E così passano le stagioni, ognuna con la sua caratteristica, sai, io credo che non siano tanto le stagioni a piacerci ma con che stato d’animo le affrontiamo, in quel particolare momento.

    • Nuzk ha detto:

      Per me essere a contatto con la natura è indispensabile. E’ quello che mi permette di togliermi di dosso in un attimo la pesantezza della giornata e di allegerire stati d’animo che a volte sono brigosi da sostenere. Michael Ende, l’avevo dimenticato. Grazie per queste righe. Credo che recupererò il libro e lo rileggerò 🙂 Buona serata

  4. Ian Saiin ha detto:

    Ricordo un vecchio commento a un tuo post su un argomento simile, mesi fa. Non mi ripeterò.
    Sono (forse) uno dei pochi cui piacciono queste giornate corte, questo buio lunghissimo. Mi piace svegliarmi al mattino quando è ancora buio profondo, andare al lavoro che si vede appena un po’ di luce. Ho l’illusione che il giorno sia davvero tutto davanti, l’impressione che ci sia molto da poter fare. E voglia di farlo.
    È una sensazione strana che non mi so spiegare.
    Amo anch’io lo scorrere delle stagioni. Ma il 21 dicembre accetto un po’ col muso le giornate che prendono ad allungarsi. E aspetto quel luminoso – fin troppo – 21 giugno per dire, finalmente torniamo a inclinarci dalla parte che piace a me.

  5. Verena ha detto:

    Proprio ieri parlavo con un amico di quanto mi manca il contatto con la natura. Di quanto la grande città possa diventare claustrofobica, soprattutto durante le feste.

  6. Drimer ha detto:

    Ciao Nuzk, lascio qui su queste belle immagini i miei Auguri sinceri per giorni da vivere con serenità e sorriso 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...