Sapone

Molti anni fa, a conclusione di un corso di formazione, ho avuto l’opportunità di effettuare un periodo di tirocinio presso un fitoperparatore in Brianza. Per alcuni mesi, tutte le mattine andavo nel suo laboratorio e assieme a lui, preparavo creme, oleoliti, tinture madri… Una parte degli ingredienti li prendevamo direttamente nei campi, per poi trattarli opportunamente. Di quei mesi ho un bellissimo ricordo tra cui il profumo del laboratorio, un miscuglio di olii essenziali e altri prodotti che, se chiudo gli occhi, riesco a sentire ancora.

In quell’occasione ho imparato a conoscere il Sapone di Aleppo, un sapone prodotto in Siria con olio di oliva e di bacche di alloro. Da allora ho continuato ad usarlo e stamattina, avendolo finito, mi sono fermata in erboristeria ad acquistarlo.

Sull’etichetta è indicato che è stato prodotto in Siria e questo mi ha lasciata un po’ perplessa viste le notizie che arrivano da lì. Ho sempre pensato che venisse prodotto altrove, in questi ultimi anni. In rete si trovano notizie contrastanti. Fra queste, anche siti siriani sui quali viene confermata tutt’ora, la produzione nei luoghi d’origine. Per quanto sia abbastanza scettica a riguardo, spero che ci sia veramente la possibilità per quelle persone di riuscire ad avere ancora un briciolo di normalità, in un paese scosso ormai da anni  da un’assurda guerra. E forse è anche questa infantile speranza, che mi fa continuare ad acquistare questo sapone così particolare.

Annunci

19 thoughts on “Sapone

  1. Topper ha detto:

    Che bella scoperta sapere che anche da lì arriva qualcosa di buono. Dico “arriva”, qua, perché non ho dubbi che qualcosa, tanto di buono, là ci sia.

  2. sguardiepercorsi ha detto:

    Ma prepari ancora tu qualche prodotto?

    • Nuzk ha detto:

      Gli unici che continuo a fare ogni tanto sono gli oleoliti di elicriso (che raccolgo qui attorno sulle rocce), di lavanda e di calendula. Però partendo da questi si possono fare le creme. Adesso mi piacerebbe fare da me il sapone e anche quello è abbastanza semplice. Comunque in rete si trovano delle ottime ricette e anche le materie prime da acquistare.

      • sguardiepercorsi ha detto:

        Io non mi ci metto, però immagino che sia bello far da sé alcune cose. Per non parlare dei profumi che emanano…

      • Nuzk ha detto:

        Sì, dà soddisfazione. E utilizzando le piante invece degli olii essenziali i profumi sono molto più vicini a quelli della pianta fresca. L’oleolito con i fiori di lavanda, quando lo annusi, sembra veramente di avere lì il fiore e quando te lo spalmi addosso è una meraviglia.

  3. accantoalcamino ha detto:

    E’ bello ❤

  4. una curiosità: perché perplessa? il canale del commercio rimane spesso – se non sempre – aperto, anche in condizioni di precarietà politica se non addirittura, come in siria, di guerra civile – ed è spesso fonte di sostegno per i governi o per chi lo gestisce. la riflessione, semmai, potrebbe essere se sostenerlo o meno (vedi ad esempio il boicottaggio sui prodotti israeliani)

    • Nuzk ha detto:

      Perplessa perchè pensavo che dopo 3 anni di guerra civile, poco si fosse salvato dalla distruzione. Quotidianamente sentiamo parlare di bombardamenti, di profughi che fuggono di morti e distruzione. Non pensavo che in un quadro come questo potessero ancora esserci attività funzionanti con persone che ci lavorano. Per produrre quel sapone ci vogliono moltissime olive e non credevo che con una guerra in atto le persone stessero negli uliveti a raccogliere le olive.

  5. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Fantastico il sapone di Aleppo: l’ho scoperto da pochi anni, ma lo adoro … E arrivo fino all’80% di olio d’oliva 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...