Silenzio

In questi giorni non ho una grande propensione alla conversazione. Non ho voglia di parlare, non ho voglia di stare in mezzo alla gente e alla confusione (quasi mai, ma in questi giorni ancora meno). Emozioni e pensieri continuano a rincorrersi, ad intrecciarsi e sovrapporsi, e il respiro mi si fa sempre più corto, come se una morsa alla gola impedisse di far entrare tutta l’aria necessaria.

E se anche all’esterno posso apparire silenziosa, dentro di me non c’è silenzio. Anzi. C’è una grande confusione di parole che si accatastano, ognuna con il suo voler raccontare ad alta voce, in una babele di significati incoerenti. Come tanti foglietti che non riesco ad afferrare, ognuno con le sue parole e le sue sfumature di colori, odori, somatizzazioni fisiche, suoni, che refoli continui di Bora mescolano incessantemente in quello stano spazio interiore, senza confini, nel quale mi ritrovo quando chiudo gli occhi.

In questo stato di massimo disordine sento il bisogno di silenzio e di un’equilibrio, seppur dinamico, che in qualche modo riporti qualche istante di tranquillità. E allora inizio a fare: cucino, sistemo casa, sposto mobili e un po’ per volta, quel fare esteriore è come se aiutasse a mettere ordine anche all’interno. La Bora si placa, i foglietti iniziano a scendere lentamente con movimenti leggeri, disegnando sul sentiero una mappa variopinta nella quale forse, riuscirò a leggere un altro po’ di me.

 

Annunci

23 thoughts on “Silenzio

  1. sguardiepercorsi ha detto:

    Immagini bellissime. Anch’io quando son dentro certi stati d’animo faccio qualcosa di concreto. La scorsa estate,periodo difficile, durante le vacanze ho pulito e risistemato le librerie, fatto pulizia negli armadi, buttato via cose inutili. Poi son stata meglio.
    A volte il fare è una fuga, altre volte è una strada per ritrovare il centro.
    Un abbraccio,
    Chiara

    • Nuzk ha detto:

      Grazie Chiara.Forse potrà sembrare inconsueto ma vivo la mia casa come se fossero tanti pezzetti di me. A volte mettere ordine o rivoluzionare un po’ alcune parti è come mettere mano nel corrispettivo interiore. Prima di iniziare devo forzarmi un po’ ma poi diventa il modo per lenire i subbugli emozionali. Altre volte invece l’aiuto fondamentale mi arriva dal fotografare. Il piacere di osservare e poi, con l’obiettivo, riuscire a fissare quello che in qualche modo mi ha emozionato, mi rende felice. Felice di quelle piccole cose che magari pochi capiscono, ma che giorno dopo giorno ti aiutano a mantenere una direzione nella tua vita. Buona serata

      • sguardiepercorsi ha detto:

        Capisco bene… Anche per me è così. Compresa la felicità di guardare attraverso l’obiettivo… 🙂
        Buona notte, e buona giornata…

      • Nuzk ha detto:

        🙂 La fotografia è un’emozione, a volte contagiosa se si incontra un buon maestro e per la quale non c’è pozione che faccia da antidoto… 😉

  2. ogginientedinuovo ha detto:

    Hai scritto parole bellissime. Sei vera, come ne conosco poche. E ti capisco. E ti abbraccio.
    Spostare mobili! Lo faccio in continuazione per trovare una sorta di perfezione, mi aiuta. Mantieni la rotta 🙂

    • Nuzk ha detto:

      La mia casa è un laboratorio in divenire. Avrei una marea di piccole cose da finire su ognuno dei mobili che ho costruito, per non parlare del giardino che fa da sè… Ultimamente è un periodo con alcune incognite di fondo che mi rendono molto insicura. Cerco di tamponare come riesco e finire le piccole cose mi aiuta.
      P.S. Di sottofondo il simil labrador del vicino che ulula alla luna (nel senso letterale del termine vista la luna piena di stanotte), accompagnato dall’asino del vicino più giù, che duetta con delle sonore e gustose ragliate….Una volta sedati loro…verso le tre…partirà il gallo ad annunciare il mattino…Non ho mai capito perchè inizi alle 3 ma così è… 😉

  3. lauraluna ha detto:

    Io stranamente, quando mi sento come te, canto.
    Lo so, sembra un modo particolarmente in contrasto nel mettere ordine all’interno, ma io sono fatta così.
    Un silenzio canterino che , a volte, sfocia in un pianto liberatore.

    • Nuzk ha detto:

      Credo che ognuno debba trovare il suo modo per mettere ordine dentro”. Cantare è un bel modo per lasciare uscire il subbuglio interiore 🙂

  4. giuseppeb ha detto:

    Anche a me capita, sempre più spesso. E lavorare, fare qualcosa mi aiuta a mettere ordine.
    Le tue fotografie sono sempre all’altezza del nome del tuo blog.
    Giuseppe

    • Nuzk ha detto:

      Grazie Giuseppe. Quel tuo “sempre più spesso” mi ha fatto pensare. Mi rendo conto che oltre alle vicende personali, che ognuno di noi ha e che è normale che sia, sta influendo molto anche quanto succede a livello globale, internazionale. Tutte queste guerre neanche poi così lontane, le violenze, le atrocità e le assurdità che ti si rovesciano quotidianamente addosso, ultimamente mi pesano e preoccupano. E si aggiungono al mio personale. E fare aiuta. E riuscirci dà un briciolo di fiducia in più ogni volta. 🙂 Buona serata.

  5. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Talvolta il silenzio fa un rumore assordante.

    Immagini speciali, soprattutto l’ultima 🙂

  6. accantoalcamino ha detto:

    Potrei averlo scritto io… Buona domenica.

  7. Patrizia Piga ha detto:

    Elena, che bello questo tuo silenzio, e quanto comunica… E quanto mi rispecchia in questo periodo… Un po’ in confusione e voglia di silenzio anche per me.
    Ti abbraccio 🙂

    • Nuzk ha detto:

      Ciao Patrizia, che bello leggerti. Mi sembra di capire che sia un periodo un po’ così per molte di noi. Forse in sintonia con quest’estate che finora è stata piuttosto arruffata… Buona serata, un abbraccio forte 🙂

  8. aboutgarden ha detto:

    grazie al web ho scoperto il tuo blog e i sono permessa di condividere i tuoi pensieri sulla mia pagina di Fb, e grazie a Patrizia (qui sopra) ho conosciuto ora il tuo nome! In molti ci rispecchiamo nelle tue parole e nelle tue azioni, e forse io non riesco a mettere ordine nella mia casa perchè non posso farlo nella mia vita… per ora! spero arrivi presto aria nuova e pulita, un po’ di quella tua bora a spazzare tutta la polvere!
    ciao Elena, un grande piacere
    simonetta

    • Nuzk ha detto:

      Ciao Simonetta è un piacere averti qui. Per quel che mi riguarda mi sono accorta che spesso, mettere ordine fuori mi aiuta molto a fare ordine dentro e quando invece c’è ordine dentro, quando sto bene con me, quasi d’incanto la casa è a posto senza che io faccia praticamente nulla. Tempo fa, quasi per gioco, mentre raccontavo della mia casa ad un caro amico, mi ha chiesto di associare parti di me a parti della casa e mi sono accorta che c’era effettivamente una corrispondenza, che curavo in modo diverso le varie zone e che ognuna poteva effettivamente rappresentarmi in qualche modo. Spero ti arrivi, se non Bora, almeno un po’ di Borino, non troppo forte ma deciso quanto basta per rinfrescare l’aria di casa. E se ti capita di avere un po’ di tempo, una capatina a Trieste per sentire l’odore della Bora vera potrebbe essere un buon modo per passare qualche giorno in vacanza 🙂 Buona serata

  9. gialloesse ha detto:

    Che bello conoscerti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...